Jacovitti. Il teatrino perpetuo

Autore: a cura di Hamelin
Titolo: Jacovitti. Il teatrino perpetuo
Collana: Coconino Cult
Numero pagine: 112, a colori, formato 21,5 x 29 cm
ISBN: 9788876183881

19,00

Disponibilità: Disponibile

In occasione del ventesimo anniversario della morte di Jacovitti, un prezioso volume illustrato accompagna la grande mostra in corso a Bologna fino al 5 gennaio 2018.

Critici e autori di fumetti raccontano il “loro” Jacovitti: un omaggio al maestro che ha fatto ridere generazioni di lettori, è entrato in tutte le case con personaggi come Cocco Bill e col “Diario Vitt”, ha influito sull’immaginario degli italiani di ogni età.

Da Cocco Bill al Diario Vitt, da Zorry Kid a Pinocchio: l’eredità folle e scanzonata di “Jac” viene raccontata in questo volume dagli autori contemporanei di fumetti e dai critici. Tra i grandi maestri dei comics, Benito Jacovitti è stato quello che più ha influito sull’immaginario e sul costume degli italiani di ogni età. Al tempo stesso, nessuno come lui ha saputo imporre la propria complessa visione, senza mai venire a patti con le mode estetiche dei periodi che ha attraversato.

I diversi saggi e interventi del libro ripercorrono l’opera di Jacovitti mettendo in evidenza la sua personalità unica di artista: il creatore di una sorta di teatro in cui quello che conta è il movimento perpetuo, come a tener lontano il fondo cupo che è nascosto dietro l’irruenta comicità dell’autore. I testi sono accompagnati da un ricco corredo di immagini: le tavole e le illustrazioni di “Jac”, opere di incredibile raffinatezza grafica, sono riproposte con un trattamento di stampa che come mai prima d’ora ne esalta la luminosità e lo splendore.

Nella prima sezione critici e studiosi, tra cui Goffredo Fofi, Luca Raffaelli e Gianni Brunoro, indagano diversi aspetti della poetica dell’autore come l’invenzione linguistica, la tradizione dell’immagine panoramica, i legami con il cinema e l’influenza su Andrea Pazienza. Nella seconda parte otto fumettisti protagonisti della scena europea contemporanea, tra i quali Paolo Bacilieri, Maicol&Mirco, lo spagnolo Miguel Ángel Martín e il francese Gilles Bachelet, raccontano il “loro” Jacovitti, proponendo nuovi sguardi su questo grande e irregolare maestro dell’umorismo disegnato.

« Tre sono gli autori che hanno descritto meglio l’Italia del ’900: Fellini, Sordi e Jacovitti. »
Oreste del Buono
« Jac è il creatore di un universo originale e irripetibile. Una sorta di Paese delle meraviglie in cui tutto è possibile. »
La Repubblica
« Uno dei pochi capaci di creare un intero mondo all’insegna dell’assurdo, del nonsense e del grottesco. »
Il Foglio
« Jacovitti si è meritato un posto d’onore nel nostro immaginario collettivo. »
La Stampa

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
PER ESSERE INFORMATO SUGLI EVENTI
E LE PROMOZIONI ESCLUSIVE

Per consultare l’informativa su cookie e privacy clicca qui